Quello che non so e so di non sapere sulle Paralimpiadi di Rio

Mentre scrivo mancano 13 giorni, 12 ore e 31 minuti all’inizio della XV edizione  della Paralimpiadi di Rio che vedranno gareggiare 4300 atleti da 176 paesi del mondo in 23 discipline sportive, tra cui per la prima volta sono state inserite anche la canoa e il triathlon.

Coraggio, determinazione, ispirazione e uguaglianza: questi i valori paralimpici che animeranno il mondo dello sport dal 7 al 18 settembre e che hanno incoraggiato gli sportivi disabili nei quattro anni di preparazione seguiti a Londra 2012.

Le Paralimpiadi non meriterebbero più attenzioni delle Olimpiadi: verrebbe meno il principio di uguaglianza e al suo posto nascerebbe probabilmente un noioso sentimento di pietosa compassione da cui gli atleti stanno ben alla larga. I meandri della mente umana, si sa, sono incomprensibili, “ogni testa è un piccolo mondo” dicono spesso le nonne e mai eventi come questi ci pongono davanti ai nostri ancestrali stereotipi e pregiudizi. Sono pronta a scommettere che quasi in ogni gruppo di spettatori televisivi dei giochi ci sarà (o ci saranno) chi esclamerà frasi tipo: “Pover* ragazz*!…così bell* ma sfortunat*!”, oppure chi rimarrà letteralmente a bocca aperta vedendo quello che sono in grado di fare stando su una sedia a rotelle, piuttosto che con un protesi, con una benda sugli occhi o privi degli arti. Questo, a mio avviso, sarebbe già un passo avanti, un sentimento più nobile che potrebbe spingerci a riconoscere i nostri limiti di normodotati quando si guarda un disabile. Stupirsi, cioè, di quanto siano capaci i diversamente abili dovrebbe far sentire noi in difetto, per la nostra miopia, per le nostre sovrastrutture, per le nostre malformazioni ideologiche che ci ingabbiano in convinzioni dure a morire per le quali è sempre e comunque, indubbiamente migliore una vita senza disabilità. Un’affermazione che non vuole mancare di rispetto alle persone e  alle famiglie che quotidianamente affrontano la fatica, la frustrazione, il dolore che certamente la disabilità porta con sé. Ma essere disabili non è solo questo. Essere disabili è anche vivere, non sopravvivere. È quindi anche correre, pedalare, giocare a basket e a rugby, tirare di scherma, tirare con l’arco, è saltare in lungo e in alto, lanciare il martello, il disco e il peso, è nuotare, giocare a tennis,  vogare e tanto, tanto altro.

Essere disabili è esistere, ma non solo per due settimane all’anno ogni quattro. È vivere ogni giorno nelle proprie abitazioni, nelle strutture alberghiere, nei ristoranti, nelle scuole, nei posti di lavoro, nei pub e discoteche, negli esercizi commerciali, sui mezzi pubblici… Le Paralimpiadi sono di per se stesse celebrative, ma dovrebbero anche fungere da monito per farci riflettere su quanto facciamo nelle vita di tutti i giorni per i disabili, atleti e non, una volta che i riflettori si spengono.

Le Paralimpiadi non meriterebbero più attenzioni delle Olimpiadi, dicevo, non certo una inferiore come purtroppo è la realtà dei fatti, ma quantomeno la stessa. Chi di noi conosce almeno cinque nomi di atleti paralimpici italiani? Pochi, al di fuori degli addetti ai lavori. Chi di noi può vantarsi non dico di conoscere la storia dei giochi, ma almeno sapere esattamente quali siano le discipline coinvolte, le loro regole e gli adattamenti pensati ad hoc.

Io per prima ammetto la mia socratica ignoranza: “non so e so di non sapere”, ma questa volta l’occasione non me la perdo.

In questo momento all’apertura dei giochi mancano 13 giorni, 11 ore e 22 minuti.

P.S. Sono affetta da una malformazione congenita alla mano destra. Credo si tratti di agenesia, ma ancora adesso, dopo 30 anni, diverse operazioni e vicissitudini varie… Non ne sono certa! J Le etichette non importano, importa il cuore. Rileggendo il post, mi sono stupita di essermi istintivamente posta dalla parte dei normodotati. Il mio problema è ben poca cosa, però sarebbe scorretto e irrispettoso in primis verso me stessa, per le lacrime versate e le montagne che nel mio piccolo ho scalato, sminuire la mia disabilità, liquidandola a un: “Tanto tu non hai niente” che spesso mi sono sentita dire. Ma qui si apre un altro capitolo… Comunque, in attesa della risposta del mio Dottor S. (o meglio della mia Dott.ssa L.), credo che il lapsus rifletta la mia profonda ammirazione per queste persone, ancora prima di atleti. Davvero, io guardandoli penso: “Che coraggio! Che forza! Che grandi!”. Ricevo una scarica di energia, un tenero abbraccio caldo che mi dice: “Non sei sola. Non sei la sola…Vai avanti…andiamo avanti”.

 

Chiara Bernocchi

Annunci

Autore: chiarasututto

Da poco entrata nei fatidici 30, laureata in storia e critica dell'arte, impiegata in una multinazionale coreana, amante dei viaggi. ..su carta, neomamma. Tutto quello che non so ancora di me lo scoprirò. ..scrivendo!

2 pensieri riguardo “Quello che non so e so di non sapere sulle Paralimpiadi di Rio”

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...